Valentin Starchev, “1300 anni di Bulgaria”

Vi faccio un nome: Valentin Starchev, scultore. Per raccontarvelo devo però tornare con la mente in quel di Bulgaria. In quel mese che son stata a Sofia ho visto tanto, tra monumenti, arte, architettura che tre post alla nascita del blog non son bastati. Valentin Starchev è uno scultore bulgaro, si laureò presso l’Accademia di Belle Arti, molto conosciuto per le sue sculture monumentali. Ha organizzato mostre indipendenti in Bulgaria, Austria, Danimarca, Francia, Giappone, Lettonia. Ha partecipato a mostre collettive in India, Italia, Repubblica Ceca, Polonia, Russia, Siria, Austria, Paesi Bassi e altri posti. Tra le diverse sculture che ha realizzato a Sofia, vorrei farvi conoscere questo monumento del 1981, ubicato nel parco settentrionale rispetto al Palazzo Nazionale della Cultura, il fulcro di ogni evento culturale della città, punto archimedeo del sapere.

Questa altissima scultura è stata creata in occasione della celebrazione dei 1300 anni della Bulgaria. I materiali utilizzati son stati principalmente bronzo, acciaio, cemento armato rivestito a piastrelle delle quali non so dirvi esattamente la natura materica poiché quando l’ho visto il rivestimento non c’era più. Il punto è proprio questo, cioè che il monumento ha un carattere forte e deciso, ma con il tempo ha subito dei danni e ora stanno valutando se restaurarlo o no. Due giorni prima che partissi il Comune di Sofia, aveva messo un cartello e un indirizzo e-mail per avere un giudizio dai cittadini.

Giulia

Advertisements

4 pensieri su “Valentin Starchev, “1300 anni di Bulgaria”

  1. Джулия ha detto:

    Cara GIULIA, ti scrive Giulia/ Джулия:). Con le foto integre del monimento mi hai fatto tornare nel bel tempi di mia infanzia. Tutto era quasi uguale e poco originale. Dopo la caduta del comunismo abbiamo fatto entrare tanto colore, pero un po’ finto e tanta speranza che non funziona bene. Il monumento era una cosa mai vista – direi grandiosa e non ben apprezzata. Ora che si parla di essere buttato giu mi intristisce e lo aprezzo di piu-che uno scultore e riuscito “uscire da vecchie canone”, a pensare e creare senza avere paura di esprimersi. Non so perche’ la gente pensa che distrugendo un monumento (che racconta1300 anni di battalie e resistenza bulgara nel seccoli) la storia si puo cambiare. Siamo quello che siamo e abbiamo visuto cose belle e brutti.La storia si deve conservare cosi com’e’, sperando che si impara. Certo, e facile demolire e’ dificile costruire. I nostri ex frateli dicono: Vivreme e vedremo! Anch’io cosi, sperando per un fine lieto per il Monumento.

    • followingyourpassiongiulia ha detto:

      Ciao Джулия! Sono con te, la penso allo stesso modo, il monumento lo trovo affascinante, carico di storia ed è questo un valore aggiunto per l’opera. Spero che capiscano che la storia ha una memoria e così va conservata per capire, per riflettere, per imparare e per ricordare.

    • followingyourpassiongiulia ha detto:

      Ciao Francesca! Ho dato una “sbirciata” al tuo blog ed è frizzante, divertente e fresco! Anche la grafica, la vedo primaverile! Quando ho letto della ballerina russa “CIOLANKA SBILENKA” ho riso troppo! Allora che dire…continuiamo a seguirci! 😉

What do you think?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...