Open your mind, open your book and think about the history!

Clara Errico e Michele Montanelli, sono una coppia con una grande passione comune: La Storia. Il loro pensiero va a ritroso nel tempo, l’obiettivo è sciogliere quelle “matasse” d’archivio e portarle alla luce degli occhi e menti altrui. Perché tutti sappiano e ricordino la storia della loro città, conoscano le architetture, i materiali, le tradizioni e i personaggi che l’hanno caratterizzata.

Image

Lavorano principalmente nelle zone di Livorno, Pisa, Firenze, Lucca, in quelli che sono gli Archivi di Stato, le Biblioteche Pubbliche, Archivi Privati e di Istituzioni. I documenti d’archivio devono rassegnarsi di fronte alle sapienti ricerche di Clara, con lei i documenti non hanno più segreti. Pensate a quei libri alti, pesanti e con carta ingiallita “ricamata” dalle vecchie calligrafie; pensate a quelle pagine che faticano a non sgretolarsi al loro sfogliarsi, per la loro età, per la loro consistenza fragile. Questi libri riportano le conoscenze antiche, documenti, lettere, fatti e vite. Provate ad aprire quei libri e percorrete la storia con loro, metterete le mani là dove un palmo, secoli orsono si è appoggiato per scriverli e così scoprirete nuovi mondi.

Image

Non è facile destreggiarsi tra “filze” e scritture antiche, ma ormai Clara Errico procede con pazienza ed esperienza pluriennale, lavoro che Michele mi ha riferito essere “lungo, sistematico e anche faticoso”. Michele rilegge i dati per sciogliere con lei quel fitto “gomitolo” che è la storia, per poi riassumerlo e portarlo alle nostre letture, redige i testi degli articoli e dei libri sulla base del principale lavoro di ricerca che svolge Clara.

Image

Quando andiamo a indagare la storia, sale esponenzialmente quel brivido che si chiama “voglia di sapere”, quel desiderio di conoscere i fatti che affrettano la ricerca. Il problema è che ogni argomento porta a un altro, come un labirinto di argomenti, una fitta rete di nessi logici dove chi non è esperto potrebbe smarrirsi e uscire dal tema.

Questa coppia sono un buon esempio di quanto vi ho raccontato nel post sulla chiesa dei Greci Uniti, vi avevo accennato a quei personaggi che “alle vostre spalle” studiano la città, la sua storia. Essi svolgono un lavoro sapiente che procede costante e a ritmo serrato dal 1998 a oggi, contando ben ventisei pubblicazioni, tra cui alcune adottate come testi nel corso di Laurea in Lettere per le cattedre di Archeologia Industriale e Archeologia Medievale all’Università di Pisa.

I loro libri sono stati pubblicati da enti pubblici, come comuni e fondazioni, ma scrivono anche articoli per le seguenti riviste:

  • Ballata, rivista d’arte e cultura di Livorno
  • Galileo, periodico dell’ordine degli ingegneri della provincia di Pisa
  • Pantheon, periodico dell’ordine degli ingegneri della provincia di Livorno
  • Pentagono, periodico di cultura, costume, storia  di Livorno
  • L’Ecolline, periodico bimestrale di cultura, storia di Collesalvetti e dintorni

Le ventisei pubblicazioni trattano argomenti tra i più disparati, ma come dicono i due ricercatori: “abbiamo privilegiato una facies temporale precisa, il secolo XVII, anche se non disdegniamo incursioni prima e dopo questo periodo. Altre volte sono i committenti a suggerire l’argomento o a richiederlo esplicitamente e allora ci adeguiamo”.

Clara e Michele si adeguano bene, perché per loro la storia è passione e ogni argomento porta loro quel brivido che è il sapere!

Nel caso voleste informazioni e contatti sulle pubblicazioni e altro scrivete una e-mail a:

Montanelli.Michele[et]tiscali.it

Vi propongo di seguito l’elenco delle pubblicazioni di Clara Errico e Michele Montanelli:

1) 1998 – “I mulini del territorio livornese. L’evoluzione di una produzione dal sec.XIII al sec. XIX“  edito a cura delle amm.ni comunali di Livorno, Collesalvetti e Rosignano M.mo, pp. 86, ed. Debatte, Livorno

2) 1998 – “Evoluzione dell’assetto proprietario e strutturale di un podere del piano di Livorno“ Contributo al quaderno del Museo di Storia Naturale di Livorno: “Una necropoli d’epoca tardo romana a Livorno“di Ada Amidei., pp. 48, ed. Benvenuti e Cavaciocchi, Livorno

3) 1998 – realizzazione della cartografia tematica in “Collesalvetti nel medioevo“ di Gaetano Ciccone. Edito a cura del Comune di Collesalvetti

4) 2000 – “La confraternita di S. Caterina da Siena presso i PP. Domenicani” contributo al quaderno del Museo di Storia naturale di Livorno “La cripta della chiesa di Santa Caterina da Siena“di Ada Amidei, pp.62, ed. Benvenuti e Cavaciocchi, Livorno

5) 2000 – “Gorgona, storia dell’isola dal XVI al XIX secolo”, pp. 160, edito in proprio, stampa Il Borghetto, Pisa

6) 2001 – “Tessere, lavorare e tingere, il commercio delle materie prime nella Livorno dei secoli XVI e XVII“ pp. 95, edito in proprio, stampa  Il Borghetto, Pisa

7) 2002 – “Giochi e mercati nella Livorno dei secoli XVII e XVIII” pp. 147, edito in proprio,  stampa Il Borghetto, Pisa

8) 2002 – “La Madonna del Buon Viaggio, una chiesa nel Porto di Livorno” in Oecumenica Civitas, rivista del Centro di Documentazione del Movimento Ecumenico  Italiano – Livorno, pp. 97-129.

9) 2003 – “Produzione, conservazione e commercio del ghiaccio fra il XVI e il XIX secolo nel territorio di Collesalvetti“ edito a cura del Comune di Collesalvetti, pp. 111, ed. Debatte, Livorno

10) 2003 – “Riparbella nel XVII secolo, il Marchesato dei Carlotti“ pp.203-243 contributo al volume “Riparbella, terra della Maremma Pisana dalle origini ai nostri giorni” a cura della  prof.ssa  Biagioli. AA.VV. Comune di Riparbella e Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea dell’Università di Pisa, ed. Grafiche MDM, Forlì

11) 2004 – “Il tabacco, coltura e cura a fuoco nel territorio di Collesalvetti” edito a cura del Comune di Collesalvetti, con il contributo del Monte dei Paschi di Siena, pp. 193, ed. Bandecchi e Vivaldi, Pontedera

12)2004 – “Setteri, un insediamento livornese dai Longobardi ad oggi”. Quaderni del territorio Livornese n°1, autori: G.Ciccone, C.Errico, M.Montanelli, L. Sturman, pp. 46, ed. Donnino, Livorno

13) 2005 – “La difesa costiera, forti, torri, posti armati, strada dei Cavalleggeri da Livorno a Vada” edito per l’Ass.ne La Livornina e con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, pp. 276, ed. Debatte, Livorno

14) 2006 – “Vie d’acqua, vie di terra, la logistica d’altri tempi a Collesalvetti” edito a cura del comune di Collesalvetti e della Istituzione comunale per la cultura Clara Schumann, con il patrocinio della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, e il contributo delle ditte: Simac e Argol. Autori: Gaetano Ciccone, Clara Errico, Alessandro Marchi, Michele Montanelli, pp.326,  ed. Felici, Pisa

15) 2006 – “Le ostriche del granduca” edito da Felici ed. Pisa,  pp. 63, ed. Felici, Pisa

16) 2007 – “La torre della fede, note sulla chiesa e sulla comunità dei Domenicani a Livorno” pp. 87-107,contributo al volume: “Temi e Figure della Chiesa a Livorno” vol. II sulla storia della Diocesi di Livorno, 1806-2006, ed. a cura di Riccardo Buriana e Chiara Barovero, ed. Editasca, Livorno.

17) 2007 – “Gli acquedotti di Lari e Vicopisano” pp. 73-113, contributo al volume “ Acqua/Aquae II, Dalle piazze alle case: storia delle reti idriche nel territorio dell’Ato2” a cura della prof. C. Torti, edito a cura della Soc. Acque spa, Felici ed. Pisa.

18) 2008 – “Cevoli in Val di Cascina, mille anni di storia” autori: G.Ciccone, Clara Errico, Michele Montanelli, pg. 142, con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmio di Volterra e Villa le Torri di Cevoli, ed. Donnino-Livorno.

19) 2008 – “Il corallo, pesca, commercio e lavorazione a Livorno”  edito per l’Ass.ne La Livornina con il contributo della Fondazione Cassa di Risparmi di Livorno, pp. 266,  Felici ed.Pisa

20) 2009 – “Vita civile e religiosa nel territorio di Collesalvetti. La Sambuca, le Parrane ed altri luoghi collinari fra il XVI e il XX secolo” di C.Errico, C.Luchetti, P.Matteucci, M. Montanelli, edito a cura del comune di Collesalvetti, Felici Editore Pisa, pg. 264

21) 2009 – “S.Giovanni Gualberto di Valle Benedetta, S.Martino di Parrana, due chiese, una comunità” di C.Errico, C.Luchetti, P.Matteucci, M. Montanelli, edito a cura del Cesvot-Ceis di Livorno, pg.129

22) 2009- “Ritrovamenti di  Monumenti di Antichità nel territorio livornese fra XVII e XVIII secolo” contributo al catalogo della mostra”Alle origini di Livorno, l’età etrusca e romana”  a cura di Stefano Bruni.

23) 2010- “Don Pietro de’ Medici (1592-1654)” fascicolo di pg.92, editato in proprio.

24) 2011- “L’amicizia fra Gabriele d’Annunzio e Dario Niccodemi” fascicolo di pg.44, ed. Il Quadrifoglio-Livorno, collana “Giosuè Borsi”

25) 2011- “La pesca  nel mare di Livorno fra il XVI e il XIX secolo” edito a cura della Provincia di Livorno nell’ambito del progetto Mare+ Maritimo-IT FR-Maritime, dalla De Batte  Otello srl., pag. 272

26) 2012- “Liutai e Minugiai a Pisa e Livorno nel 1600” edito da Felici ed. Pisa, pg.80

I volumi 19-20-21– sono corredati da CD multimediali realizzati da Lola Lo Conte.

I  testi sui Mulini, le Ghiacciaie e il Tabacco, sono stati adottati  dalla prof.ssa Cristiana Torti, docente dell’Università di Pisa, Dipartimento di Storia Moderna e Contemporanea, ed inseriti nel piano di studi per il corso di Laurea in Lettere, cattedra di Archeologia Industriale. A complemento della collaborazione Clara e Michele hanno tenuto nel 1999 un breve seminario sul tema dei mulini ad acqua e vento, e una visita guidata in sito di un gruppo di studenti coordinati dalla prof.ssa Torti.

Il volume “La difesa costiera, forti, torri, posti armati, strada dei cavalleggeri da Livorno a Vada” è utilizzato da studenti del corso di archeologia medievale dell’Università di Pisa, del prof. Milanese, nella elaborazione delle loro tesi di laurea.

Image

Clara Errico and Michele Montanelli, are a couple with a great passion: History. Their thinking goes back in time, the goal is to dissolve the “coils” in the archives and bring them to the light of the eyes and minds of others. Why all know and remember the history of their town, know the architecture, materials, traditions and people that have been characterized.

They work mainly in the areas of Livorno, Pisa, Florence, Lucca, in what are the State Archives, the Public Libraries, Archives and Private Institutions.

The archive documents have to resign in the face of expert research Clara, with her documents are no longer secrets. Think of those books tall, heavy and yellowed paper with “embroidered” the old handwriting, think about those pages that are struggling to not crumble to their unfoldment, for their age, for their consistency fragile. These books bring the ancient knowledge, documents, letters, deeds and lives. Try to open the books and follow the story with them, put your hands where the palm of centuries ago leaned to write and discover new worlds.

It is not easy destrarsi between “strings” and the ancient scriptures, but now Clara Errico proceed with patience and years of experience, work that Michael told me to be “long, systematic and also hard.” Michele reads back the data to dissolve her that dense “ball” that is the story, and then summarize and bring to our readings, draw up the texts of articles and books based on the main research work that plays Clara.

When you go to investigate the story, the thrill goes exponentially called “desire to know”, that desire to know the facts that hasten the search. The problem is that each topic leads to another, like a maze of topics, a network of logical connections where non-technical person can get lost and out of the theme.

This couple are a good example of what I have said in the post on the church of the Greek States I had pointed out to those people who “behind you” studying the city and its history. They have a working scholar who goes steady and rapid pace since 1998, counting twenty-six publications, including some adopted as texts in the degree course in Letters to the Chair of Industrial Archaeology and Medieval Archaeology at the University of Pisa.

Their books have been published by government agencies, such as municipalities and foundations, but also write articles for the following journals:

Ballad, magazine of art and culture in Livorno
Galileo, a magazine for engineers in the province of Pisa
Pantheon, the magazine for engineers in the province of Livorno
Pentagon periodical culture, customs, history of Livorno
The Ecolline, bimonthly magazine of culture, history and surroundings of Collesalvetti
The twenty-six publications cover topics disparate, but as they say the two researchers: “We have a privileged facies moment in time, the seventeenth century, if not disdain raids before and after this period. Other times they are the customers to suggest the topic or explicitly request and then we adapt. “

Clara and Michael adapt well, because for them history is a passion and each topic brings them the thrill that is the know!

If you would like information on publications and other contacts and send an e-mail to:

Montanelli.Michele[et]tiscali.it

Advertisements

2 pensieri su “Open your mind, open your book and think about the history!

    • followingyourpassiongiulia ha detto:

      Ciao Francesca! 🙂 Eh sì ci vuole davvero passione per la storia in primis, ma anche tanta pazienza per le ricerche d’archivio!! Per fortuna ci sono persone che con dedizione ci fanno conoscere meglio alcuni particolari della città che forse ci sfuggirebbero, eppure sono interessanti!

What do you think?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...